­

About Enrico Petriccioli

This author has not yet filled in any details.
So far Enrico Petriccioli has created 213 blog entries.
20 07, 2018

PD: VADO PIANO MA NON SO, SE LONTANO

20 luglio 2018|Primo piano|

Il PD a livello nazionale sembra stia perdendo tempo senza programmare, subito, un congresso di rilancio. Stiamo andando piano per meglio riflettere ed aspettare che finisca questa campagna elettorale permanente, oppure ce la stiamo prendendo comoda per non sapere cosa fare? La domanda è lecita e non provocatoria anche a livello locale, dove non si ha il coraggio di riconoscere gli errori degli ultimi anni (compreso quello in corso) e si fa finta di niente. Se è vero che la fretta non sempre paga è pur vero che il PD di Massa Carrara non ha tempo da perdere per ricostruire il Partito e rifare la propria classe dirigente, in vista del turno amministrativo del prossimo anno. Non sempre chi va piano va lontano!

14 07, 2018

RISCHI DI UN GOVERNO BIPOLARE

14 luglio 2018|Articoli da leggere|

Il governo Conte si regge su una sorta di divisione in zone di influenza realizzata dalla coalizione. La Lega detta legge nella dimensione sociale, cioè sulla questione immigrati. M5s nella dimensione economica, in particolare sul welfare. Quanto durerà? Una domanda lecita che nasce dell'ambiguità di un "contratto" che tiene insieme tutto ed il suo contrario. Penso che la domanda potrà avere una risposta in autunno con i suoi appuntamenti, da sempre banco di prova per i Governi. Vedremo...

9 07, 2018

SONO COME TE MA SI SENTONO MEGLIO

9 luglio 2018|Articoli da leggere|

La polemica tra Salvini e l'iniziativa del giornale Rolling Stones è tutt'altro che banale e trovo che questa riflessione sia precisa e puntuale, tale da spingerci a riflettere. Dirò subito, che a mio parere la campagna anti Salvini è lecita ma certo rappresenta un modo estremo di fare giornalismo. Sembra che si sia voluti scendere sul piano dei social per dire una propria opinione (da me condivisa), che però poteva essere fatta in altro modo, cioè con minor strizzata d'occhio alla faziosità. La campagna di Salvini, contro i migranti (in nome della sicurezza) è vergognosa e strumentale ma iniziative come quella del giornale Rolling Stones, prima e poi del giornale Il Tempo (come contro risposta( sono ridicole e paraculesche. L'opposizione la facciano i Partiti che sono all'opposizione ed i giornali facciano informazione.

6 07, 2018

RIFLESSIONI LUNGO LA STRADA

6 luglio 2018|Primo piano|

Le bocce sono ferme lungo la grande strada della politica e possiamo fare alcune riflessioni. Il PD ha perso e deve pensare ad una ricostruzione del centrosinistra con un nuovo programma di Governo. La Lega sembra dominare lo scenario politico ed il rischio che dopo le elezioni europee del 2019 possa pensare di andare alle elezioni politiche nazionali per liberarsi del M5S e vincere da "padrona" con il centrodestra deve preoccuparci. I Cinque Stelle vivono un momento di crisi sotterranea e complicata, per la mancanza di una linea unitaria e condivisa rispetto alla trasformazione di un movimento da protagonista della protesta a protagonista del Governo. Il M5S sembra un fuscello nel bel mezzo della bufera "Salviniana" e si sposta di lato per non ricevere raffiche di vento che ne compromettano la stabilità.

27 06, 2018

SETTE (BUONI) MOTIVI PER UCCIDERE IL PD

27 giugno 2018|Articoli da leggere|

Un'analisi impietosa ma vera da cui occorre far scaturire una riflessione prospettica e non di breve respiro. Sarei tentato di dire che lo scioglimento sembra la strada giusta ma ammetterlo mi costa parecchio, per un fatto affettivo ad un'idea e per avere fatto il primo capogruppo PD in Provincia di MS. Certo il PD era nato da una fusione indotta ed eterodiretto, non pienamente condivisa dalla base ma la situazione politica di allora lo rendeva necessario e strategico, mentre oggi? Oggi la situazione, prima di uno scioglimento, merita un franco confronto interno a seguito di un necessario azzeramento delle dirigenze che comunque sia, hanno portato il Partito a questo disastro elettorale. Io sono convinto che non sia finito il centrosinistra ma l'attuale forma Partito che lo rappresenta è davvero in crisi. Direi di provare a ripartire sui valori condivisi, su una nuova prassi politica e con un rinnovamento che però deve essere senza pregiudizi per chi vuole esser della partita.

26 06, 2018

TOGLIAMO VOCE ALLA CAMPAGNA ELETTORALE PERMANENTE

26 giugno 2018|Articoli da leggere|

Una proposta provocatoria me che nasce da una realtà su cui occorre riflettere. Io faccio sempre fatica a pensare che si possano bloccare o reprimere le idee e le opinioni degli altri ma è chiaro che regole per l'uso di Facebook, serve per tutti anche per i ministri. Certo togliere la voce sarebbe una comodità per tanti ma francamente è quello che vorrebbero fare in tanti (per convenienza). E poi allora andrebbero ripensati e aboliti anche i talk show politici che comunque, pure loro, andrebbero regolamentati. Occorre invece una chiara formazione civica delle persone che non possono essere ignoranti sulla correttezza e la responsabilità di cui c'è bisogno per potere avere una società equilibrata e tollerante, non violenta.

16 06, 2018

FONDAMENTI DI OPPOSIZIONE SUICIDA: COME PERDERE VOTI E FACCIA

16 giugno 2018|Articoli da leggere|

Lega e Cinque Stelle sembrano già in crisi su molti fronti, ma crescono nei consensi. Colpa della luna di miele tra il governo e il Paese? Forse. Ma anche di un’opposizione che forse non ha ancora capito che gioco deve giocare. Qualche consiglio non richiesto: evitate, se possibile, di giocare il loro gioco. Così come nessuno insegna il Tiqui Taqa al Barcellona, nessuno può pensare di dare lezioni di xenofobia o di anti-europeismo a Salvini, o di populismo a Di Maio

14 06, 2018

NON CI BASTERA’ RESTARE UMANI PER BATTERE SALVINI

14 giugno 2018|Articoli da leggere|

Non condivido assolutamente la scelta di Salvino rispetto alla vicenda della nave Aquarius. Non condivido ma la riflessione di questo articolo è utile per provare a capire come Salvino sia in sintonia col sentire di moltissimi italiani che sono stanchi della crisi, hanno paura e tendono a chiudersi nel locale. Alzare la voce con l'Europa, dando per scontato che i balconi non possono essere respinti o bombardati, dovrebbe portare ad una equa distribuzione degli immigrati tra i vari Paesi che compongono l'unione ma qui sta il problema, gli amici di Salvini non vogliono accogliere gli immigrati... Allora visto che il trattato di Dublino è stato a suo tempo votato anche dalla Lega che era al Governo mi sembra che isolarsi in una posizione anti Europa sia sbagliato. Comunque vedremo.

7 06, 2018

NON SIAMO SU SCHERZI A PARTE

7 giugno 2018|Primo piano|

E' nato il nuovo Governo. Un Governo presieduto da uno cha non è stato eletto (mai!) e fa il professore (come Monti, guarda te). Una maggioranza parlamentare fatta tra due forze politiche che in campagna elettorale erano contrapposte e che si sono messe d'accordo sulla base di un contratto di governo che tiene insieme tutto ed il contrario di tutto (come vedrete in materia di Lavori Pubblici e di Giustizia). Insomma non il massimo per chi ha fatto credere di volere essere esempio di coerenza e trasparenza ma meglio un governo che tornare al voto e vedremo ciò che verrà fatto. Intanto il governo gialloverde, quello del cosiddetto "cambiamento" è partito, tra presentazioni a Camera e Senato davvero imbarazzanti per la demagogia qualunquista e la faciloneria di cui erano pieni gli interventi di Conte.

4 06, 2018

COSE DA PAZZI. NELLE STANZE DEL POTERE

4 giugno 2018|Articoli da leggere|

Arriva il governo Conte-Salvini-Di Maio. A Paolo Savona sono andate le Politiche (poco) comunitarie. Rimane il suo piano B (oppure A) per l’uscita dall’euro. Il default sul debito pubblico sarebbe inflitto anche agli investitori esteri mentre i residenti con un tesoretto all’estero potrebbero mantenere i loro conti in euro senza alcuna tassazione. Il piano per preparare una possibile uscita dall’euro può aumentare la forza di contrattazione rispetto ai partner europei, ma anche indurre una fuga di capitali. Non proprio la condizione ideale per sedersi al tavolo negoziale.