­

About Enrico Petriccioli

This author has not yet filled in any details.
So far Enrico Petriccioli has created 228 blog entries.
11 09, 2018

LA DEMOCRAZIA DEL NARCISISMO

11 settembre 2018|Dal Faro|

Un interessante libro, per chi vuole capire e ragionare di politica. La crisi delle democrazie occidentali, a cui la crisi economica ha fatto da acceleratore, è dovuta ad un profondo sentimento di sfiducia verso quella politica che non ha saputo dare risposte adeguate ai bisogni delle persone, famiglie, imprese. Questa sfiducia è diventata vera e propria antipolitica, come dimostrato dalla crescita e dall'affermazione di partiti populisti e sovranisti, che si caratterizzano per essere contro tutta quella politica che c'è stata prima di loro. Un ragionamento, semplice, violento e demagogico, anche narcisista nei suoi protagonisti, che punta a conquistare quel potere che deriva dalla politica; politica che così tanto viene da loro criticata e vilipesa. Un ossimoro essere contro la politica e poi farla.

6 09, 2018

SE L’ITALIA FOSSE UN PAESE CIVILE

6 settembre 2018|Articoli da leggere|

Un articolo che condivido e pubblico volentieri. Quella di Genova è stata una tragedia che naturalmente va indagata e giudicata. Se ci sono responsabilità diretta vanno identificate e sanzionate, mentre se le responsabilità sono indirette sono di tutti, cioè di Autostrade ed Atlanta, dell'ANAS, dello Stato e della Regione ed allora occorre prevedere penali, opportune, e risarcimenti adeguati. Certamente non servono a nulla le polemiche, le strumentalizzazioni e le accuse fatte in maniera generica contro chi ha rispettato (se li ha rispettati, c'è la Magistratura a verificare) i contratti in essere. Ma questi fatti con la loro gravità e disperazione, sono lezioni da cui imparare, senza usarli per una misera propaganda.

25 08, 2018

UNA RIFLESSIONE SUI TERRITORI MONTANI

25 agosto 2018|Primo piano|

Le montagne sono habitat particolarmente fragili il cui equilibrio poggia su numerosi fattori quali armonie ambientali, espressioni identitarie e culturali che costituiscono i punti di forza per intraprendere la sfida contro la globalizzazione e contro quelle scelte di politica nazionale o internazionale tese ad accentuare la marginalità di questi territori e la loro esclusione dai processi di sviluppo. (tratto da studio del CAI)

20 08, 2018

SLOWPOLITICA

20 agosto 2018|Articoli da leggere|

Penso anch'io che la politica dei social sia destinata ad esaltare ed abbattere, con velocità e facilmente, i vari protagonismi. Ciò non vuol dire che non si devono usare i social ma serve una strategia per comunicare, opportunamente, tramite i social. I social sono uno strumento della politica, non il fine della politica. Usiamo i social ma con intelligenza e non facciamoci prendere la mano in polemiche inutili. Ci vuole calma e soprattutto serve ripensare una presenza politica su nuove basi, con maggiore attenzione al sociale. Al PD consiglio una "slow and motivated" politica!

8 08, 2018

LA STORIA DI FOA

8 agosto 2018|Articoli da leggere|

La vicenda di Foa alla Presidenza della RAI, dimostra che l'occupazione del potere da parte del nuovo Governo "gialloverde" procede tranquillamente e senza alcuna esitazione. Che un nuovo governo pensi a cambiare i vertici delle Società o degli Enti che controlla non mi sorprende e scandalizza ma c'è un metodo, in alcuni e chiari casi (verificatisi nel tempo) in cui serve concordare un nome e dare non un'indicazione secca, bensì una rosa di nome su cui si possa trovare una condivisione. La RAI è uno di questi casi e sarebbe bene che si continuasse in questo modo! Senza lesioni del diritto della maggioranza di indicare un nome.

20 07, 2018

PD: VADO PIANO MA NON SO, SE LONTANO

20 luglio 2018|Primo piano|

Il PD a livello nazionale sembra stia perdendo tempo senza programmare, subito, un congresso di rilancio. Stiamo andando piano per meglio riflettere ed aspettare che finisca questa campagna elettorale permanente, oppure ce la stiamo prendendo comoda per non sapere cosa fare? La domanda è lecita e non provocatoria anche a livello locale, dove non si ha il coraggio di riconoscere gli errori degli ultimi anni (compreso quello in corso) e si fa finta di niente. Se è vero che la fretta non sempre paga è pur vero che il PD di Massa Carrara non ha tempo da perdere per ricostruire il Partito e rifare la propria classe dirigente, in vista del turno amministrativo del prossimo anno. Non sempre chi va piano va lontano!

14 07, 2018

RISCHI DI UN GOVERNO BIPOLARE

14 luglio 2018|Articoli da leggere|

Il governo Conte si regge su una sorta di divisione in zone di influenza realizzata dalla coalizione. La Lega detta legge nella dimensione sociale, cioè sulla questione immigrati. M5s nella dimensione economica, in particolare sul welfare. Quanto durerà? Una domanda lecita che nasce dell'ambiguità di un "contratto" che tiene insieme tutto ed il suo contrario. Penso che la domanda potrà avere una risposta in autunno con i suoi appuntamenti, da sempre banco di prova per i Governi. Vedremo...

9 07, 2018

SONO COME TE MA SI SENTONO MEGLIO

9 luglio 2018|Articoli da leggere|

La polemica tra Salvini e l'iniziativa del giornale Rolling Stones è tutt'altro che banale e trovo che questa riflessione sia precisa e puntuale, tale da spingerci a riflettere. Dirò subito, che a mio parere la campagna anti Salvini è lecita ma certo rappresenta un modo estremo di fare giornalismo. Sembra che si sia voluti scendere sul piano dei social per dire una propria opinione (da me condivisa), che però poteva essere fatta in altro modo, cioè con minor strizzata d'occhio alla faziosità. La campagna di Salvini, contro i migranti (in nome della sicurezza) è vergognosa e strumentale ma iniziative come quella del giornale Rolling Stones, prima e poi del giornale Il Tempo (come contro risposta( sono ridicole e paraculesche. L'opposizione la facciano i Partiti che sono all'opposizione ed i giornali facciano informazione.

6 07, 2018

RIFLESSIONI LUNGO LA STRADA

6 luglio 2018|Primo piano|

Le bocce sono ferme lungo la grande strada della politica e possiamo fare alcune riflessioni. Il PD ha perso e deve pensare ad una ricostruzione del centrosinistra con un nuovo programma di Governo. La Lega sembra dominare lo scenario politico ed il rischio che dopo le elezioni europee del 2019 possa pensare di andare alle elezioni politiche nazionali per liberarsi del M5S e vincere da "padrona" con il centrodestra deve preoccuparci. I Cinque Stelle vivono un momento di crisi sotterranea e complicata, per la mancanza di una linea unitaria e condivisa rispetto alla trasformazione di un movimento da protagonista della protesta a protagonista del Governo. Il M5S sembra un fuscello nel bel mezzo della bufera "Salviniana" e si sposta di lato per non ricevere raffiche di vento che ne compromettano la stabilità.

27 06, 2018

SETTE (BUONI) MOTIVI PER UCCIDERE IL PD

27 giugno 2018|Articoli da leggere|

Un'analisi impietosa ma vera da cui occorre far scaturire una riflessione prospettica e non di breve respiro. Sarei tentato di dire che lo scioglimento sembra la strada giusta ma ammetterlo mi costa parecchio, per un fatto affettivo ad un'idea e per avere fatto il primo capogruppo PD in Provincia di MS. Certo il PD era nato da una fusione indotta ed eterodiretto, non pienamente condivisa dalla base ma la situazione politica di allora lo rendeva necessario e strategico, mentre oggi? Oggi la situazione, prima di uno scioglimento, merita un franco confronto interno a seguito di un necessario azzeramento delle dirigenze che comunque sia, hanno portato il Partito a questo disastro elettorale. Io sono convinto che non sia finito il centrosinistra ma l'attuale forma Partito che lo rappresenta è davvero in crisi. Direi di provare a ripartire sui valori condivisi, su una nuova prassi politica e con un rinnovamento che però deve essere senza pregiudizi per chi vuole esser della partita.