­
4 03, 2019

UNO SPETTRO NEL MONDO, LA DEGLOBALIZZAZIONE

4 marzo 2019|Articoli da leggere|

Ristagna il peso dell’export e scendono i flussi globali di capitali. Eppure, con l’economia digitale i paesi sono sempre più interconnessi tra loro. Insieme a nuovi dazi, sale alla ribalta la “Slowbalisation”: andiamo davvero verso un mondo più chiuso?

25 01, 2019

SIMULAZIONE DELLO SCIVOLAMENTO NEL REGIME AUTORITARIO

25 gennaio 2019|Articoli da leggere|

Ho voluto pubblicare questo interessante articolo in quanto ferve sui social, la discussione sulla pericolosità di questo governo che starebbe avviando il Paese verso una deriva autoritaria. Credo che gli italiani sarebbero pronti a reagire verso chi volesse imporre un regime dittatoriale ma è pur vero che alcune sfumature nelle proposte demagogico/populistiche di questo Governo, lascerebbero intendere un'operazione di acquisizione del consenso a fronte di misure assistenzialistiche, per avere mano libera su tematiche di ordine etico e sicurezza.

19 01, 2019

REDDITO DI CITTADINANZA, FRETTA NEMICA DELL’EFFICACIA

19 gennaio 2019|Articoli da leggere|

Il reddito non-di-cittadinanza, uscito dal Consiglio dei ministri, non è una misura universale riservata a italiani. Si tratta di un sostegno parziale per italiani e non italiani poveri che soddisfano tanti e variopinti requisiti. Nel tentativo di onorare una promessa elettorale del M5S, con la fretta delle elezioni Europee,ha partorito un provvedimento confuso con costi ed effetti impossibili da valutare. Ciò detto accontentiamoci di questo perché pensando a coloro che sono poveri, meglio poco che niente.

19 01, 2019

DOVE SBAGLIA LA SINISTRA SOVRANISTA

19 gennaio 2019|Articoli da leggere|

Un articolo che condivido, nonostante sia chiaro che, l'idea di potere governare meglio l'economia ed il potere finanziario e capitalistico all'interno di uno Stato/Nazione, sia davvero più comprensibile e attraente. Io penso infatti che in questa epoca liquida e complessa, sia più facile rifarsi a dimensioni territoriali ed a comunità che si conoscono, mentre un'idea di sinistra debba essere progressista, universale e solidale. Viviamo un periodo storico in cui le conoscenze aumentano per tutti e, nonostante ciò, insieme aumentano le paure. Per queste ragioni penso che la sinistra debba superare il dogma della fedeltà alle "origini" e pensare ad una nuova idea per l'umanità, superando la lotta di classe con la lotta democratica per valori da promuovere: lavoro, ambiente, equità, solidarietà.

7 12, 2018

MINNITI SI RITIRA, IL PD E’ ORMAI, L’ORCHESTRA DEL TITANIC

7 dicembre 2018|Articoli da leggere|

Un articolo che fotografa una situazione, di fatto, davvero desolante ed anche precaria. Il PD farà il Congresso ma prevedere il suo futuro è davvero difficile. L'uscita di Renzi comunque sancirebbe la fine di un Partito che avrebbe potuto essere ma in realtà non è stato. Renzi ha sbagliato alcune scelte ma non si può gestire un Partito con il fuoco amico, ciò alla lunga determina divisioni insanabili attorno a personalismi più o meno autorevoli che siano. Il sogno del Partito del Centrosinistra è finito ... ora sembra che torneremo ad averne di più e l'uno contro l'altro armati. Il governo? Stiamo sereni.

3 12, 2018

DUECENTO GIORNI, A DAR DANNO ALL’ECONOMIA, SONO TROPPI

3 dicembre 2018|Articoli da leggere|

Un articolo che parla chiaro e segnala una forte preoccupazione. I dati Istat sul terzo trimestre certificano che il Pil italiano scende per il calo di consumi e investimenti causato dal peggioramento delle aspettative, mentre l’export ha ripreso a tirare. È ora che il governo smetta di fare danni e dia invece una mano, correggendo la manovra in senso più prudente.

30 11, 2018

IL CAMBIAMENTO CLIMATICO E IL SOVRANISMO

30 novembre 2018|Articoli da leggere|

Il cambiamento climatico è un dato oggettivo e preoccuparsene è doveroso Chi oggi vuole ignorare questo problema (anche su alcune basi scientifiche) non ragiona in modo lungimirante e rischia di preparare un mondo invivibile alle future generazioni. Per sua natura questo problema non si risolve nei confini statali ma serve un piano d'intervento condiviso a livello mondiale. In gioco non ci sono le sorti di uno Stato ma del pianeta. Chi non fa nulla per i propri interessi sbaglia e reca danno a tutti!

26 11, 2018

LA FAVOLA DEI RIFIUTI ZERO (E NIENTE INCENERITORI)

26 novembre 2018|Articoli da leggere|

Il fact checking de "la voce" analizza le dichiarazioni dei politici per verificare se hanno detto cose vere. Premesso che il tema dello smaltimento rifiuti è complesso e comunque va affrontato in sede locale con le comunità che sono chiamate ad ospitare gli impianti della filiera RSU, ritengo che in linea generale, raccolta differenziata, termovalorizzatori e discariche non si escludono a vicenda. Questa volta tocca alle affermazioni del ministro Bonafede sugli inceneritori.

18 11, 2018

POPULISMO PENALE, NELLA RIFORMA DELLA PRESCRIZIONE

18 novembre 2018|Articoli da leggere|

Riformare la prescrizione attraverso un emendamento può essere rischioso, anzi è sbagliato. Si tratta infatti di un istituto di garanzia e la sua modifica richiede adeguate valutazioni tecnico-giuridiche, al punto che potrei pensare cha sarebbe più giusto eliminarla o lasciarla com'è oggi, evitando confusioni. Introdurre delle modifiche che vanno nella direzione di rendere svantaggiati, rispetto ad un processo equo tra le parti e ragionevole nella durata, gli imputati mi sembra davvero persecutorio. Peraltro, segnalo che ancora non conosciamo gli effetti della riforma del 2017.

18 11, 2018

LEU E’ MORTO (VIVA LEU)

18 novembre 2018|Articoli da leggere|

Un articolo interessante, scritto con passione da chi ha creduto (in buona fede) in un progetto politico che invece era solo un cartello per raccogliere voti e riportare in Parlamento personaggi che altrimenti non avrebbero trovato spazio. Ora, a mio parere, è bene che questo progetto sia tramontato ma credo anch'io, come l'autrice, che il Paese ed il sistema politico abbia bisogno di un Partito di sinistra che si organizzi e dialoghi col PD. Un Partito di sinistra che non rinunci ai propri valori identitari ma che si dimostri aperto alla costruzione di un nuovo modello di società, evitando di portarsi dietro i fantasmi di un passato non più proponibile. Per questo un progetto di ricomposizione della sinistra e poi di unirà del centrosinistra è auspicabile e necessario.