/Dal Faro
­

LEGALITA’, ILLEGALITA’

Una bella recensione di un libro da leggere (già comprato) di Sergio Tramma, fatta da Marco Bonarini. Un libro ed un tema quanto mai attuale. Quale è il confine tra legalità e illegalità? Come educare alla legalità in un Paese dove vi [...]

24 marzo 2015|Dal Faro|

IL PADRONE DELLA FESTA

Se non avete ancora ascoltato questo album di Fabi, Gazzè e Silvestri, un consiglio, fattelo! Fattelo subito e proverete una serie di emozioni e coinvolgimenti, come da un po di tempo, probabilmente, non vi capitava ascoltando musica e parole. I tre [...]

25 dicembre 2014|Dal Faro|

PICCOLA OSTERIA SENZA PAROLE

Tra i migliori libri italiani del 2014, c'è senz'altro questo libro di Mario Cuomo! Un libro che magari non passerà alla storia della letteratura italiana ma un libro da leggere per comprendere meglio la nostra realtà sociale, specie quella delle aree [...]

14 ottobre 2014|Dal Faro|

33 FALSE VERITA’ SULL’ EUROPA

A Marina di Stabia (NA), nei giorni scorsi per la nascita di Comunità Democratica, ho assistito alla presentazione dell'ultimo libro di Lorenzo Bini Smaghi dal titolo : "33 false verità sull' Europa", edito da Il Mulino. Lorenzo Bini Smaghi è un [...]

21 aprile 2014|Dal Faro|

STORIA DI UNA LUMACA CHE SCOPRI’ L’IMPORTANZA DELLA LENTEZZA

Un piccolo libro con un grande messaggio scritto da un autore davvero straordinario, insomma un bel libro da leggere e consigliare. In questo libro Sepúlveda vuole lanciare un messaggio importante: l’importanza di rallentare in un mondo in cui tutto sembra correre. Attraverso le parole di “Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza” lo scrittore catapulta nuovamente i suoi lettori, grandi e piccoli, in una realtà a metà tra le fiabe e la realtà. Come sempre avviene per i libri di Sepúlveda, anche in questo la trama è molto semplice, proprio perché rivolta anche a un pubblico giovanile, ma grazie alla sua facilità il messaggio appare più immediato. Luis Sepúlveda con il libro “Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza” riuscirà a conquistare il cuore dei suoi tanti lettori, dando un nuovo insegnamento ai bambini ma soprattutto agli adulti che non riescono a cogliere l’importanza del tempo.

12 marzo 2014|Dal Faro|

BASTA PIANGERE

Per Natale ho regalato, dopo averlo letto, questo buon libro di Aldo Cazzullo, ad un caro amico perché potesse condividire con me (e Cazzullo) l'idea che i nostri tempi, pur con tutte le difficoltà della crisi non sono poi così negativi e soprattutto che l'atteggiamento vittimista non serve davvero a darci una ragiobevole speranza. In questo libro simpatico ed intelligente; si ripercorrono alcune amenità della nostra infanzia per provare che la qualità della vita di allora non era migliore di quella attuale. Allora, in più di oggi, c'era solo la radicata prospettiva futura di un progressivo miglioramento. Cazzullo, per me, ha colpito nel segno, dobbiamo essere più consapevoli di quello che dobbiamo fare e smetterla con i piagnistei, con i vizi ed i privilegi. Termino con questa frase dell'autore : "Non ho nessuna nostalgia del tempo perduto. Non era meglio allora. È meglio adesso. L'Italia in cui siamo cresciuti era più povera, più inquinata, più violenta, più maschilista di quella di oggi. C'erano nubi tossiche come a Seveso, il terrorismo, i sequestri. Era un Paese più semplice, senza tv a colori, computer, videogiochi. Però il futuro non era un problema; era un'opportunità."

18 gennaio 2014|Dal Faro|